Agisci adesso: perché diversità, equità e inclusione sono la formula vincente per un ambiente di lavoro ottimale

Pubblicato
26 settembre, 2022
Diversità, equità e inclusione sono termini che dovrebbero essere familiari a tutti i top leader e alle organizzazioni. Capire chi sono i professionisti sotto rappresentati nel mercato è il primo passo per intraprendere azioni tangibili che contribuiscano a un cambiamento sistemico a lungo termine.

A questo proposito, oggi abbiamo il piacere di intervistare Lee Higgins, cofondatore di Diverse Talent Networks, azienda partner di Beaconforce.

Dando voce ai professionisti sotto rappresentati provenienti da contesti e comunità diverse, forniscono una piattaforma e l’opportunità di fare rete con i migliori leader di molti settori, creando un ambiente in cui le relazioni si costruiscono nel tempo, garantendo un ambiente di lavoro inclusivo.

Ciao Lee!

Per rispondere a questa domanda penso a ciò che ho potuto apprendere dalle conversazioni che ho avuto con i datori di lavoro e i dipendenti nel corso degli anni e in particolare con gli individui appartenenti a gruppi storicamente meno rappresentati. È così che abbiamo costruito la storia del nostro marchio Diverse Talent Network, rendendoci anche conto del fatto che non è possibile raggruppare Diversità, Equità e Inclusione insieme, ma che si tratta di concetti distinti.

Diversità, per me, significa riconoscere il potere della differenza ed essere aperti a creare un ambiente di lavoro che accolga persone provenienti da contesti diversi. La diversità non dovrebbe essere un’etichetta che contraddistingue alcuni di noi come “altri”. Una forza lavoro diversificata dovrebbe comprendere tutti.

Per me l‘equità è una questione di correttezza, per far sì che ogni persona sul posto di lavoro abbia l’opportunità di avere successo attraverso processi equi e imparziali. Noi di Diverse Talent Network insistiamo sull’importanza di conoscere le persone attraverso un rapporto significativo che si costruisce con conversazioni aperte che permettono una comprensione autentica dell’altro. Creando un ambiente di lavoro più equo, le aziende aumenteranno notevolmente il coinvolgimento dei dipendenti perchè i talenti che lavorano per la vostra organizzazione riconosceranno di avere una maggiore opportunità di successo.

L’inclusione è quando tutti sentono di appartenere al gruppo, perché sono compresi, ascoltati, rispettati e accettati per quello che sono. Quando le persone sentono di appartenere veramente, restano. Mettendo a disposizione tutte le loro capacità a beneficio non solo di loro stessi, ma anche dei loro colleghi e dell’organizzazione per cui lavorano.

Se si crea un ambiente di lavoro diversificato, equo e inclusivo, non si può essere vittime del pensiero di gruppo perché non esiste un gruppo dominante. In un ambiente vario e stimolante tutti crescono e l’azienda cresce con loro. Le aziende di successo non possono costringere le persone a lavorare sodo ed essere felici, ma le persone che lavorano sodo e sono felici possono creare aziende di successo.

Fare domande e ascoltare attivamente. Tutti temiamo di dire la cosa sbagliata sul posto di lavoro quando si parla di diversità, equità e inclusione. Molte persone vivono nel timore di non sapere quale terminologia o frase usare, ma la cosa più importante è avere una conversazione. È fondamentale capire cosa è importante per le persone con cui si lavora, sia nel lavoro che nella vita al di fuori del lavoro. Cerco di riconoscere i diversi stili dei colleghi e di leggere la situazione per assicurarmi di includere tutte le prospettive, in modo da poter imparare e crescere insieme come azienda e come persone.

Ho creato DTN perché ho capito che i leader avevano bisogno di un modo per entrare in contatto con persone che provenivano da contesti diversi dal loro e condividere esperienze al di fuori della situazione pressante di un colloquio formale. Sviluppare uno stile di comunicazione naturale e attento ai dipendenti è l’obiettivo di ogni leader. Conversare e ascoltare davvero i colleghi migliora il coinvolgimento e fa sentire le persone apprezzate.

Se riconoscete l’importanza e la passione di agire per migliorare la DEI sul posto di lavoro, avete più influenza di quanto pensiate. Ho fondato Diverse Talent Networks perché ho visto che nelle organizzazioni c’erano persone che volevano agire, ma non sapevano come. Ho anche pensato che a quelle persone che non riconoscono l’importanza della DEI oggi non si può fare la predica, hanno bisogno di vedere il cambiamento in atto e di vedere i loro colleghi andare oltre le dichiarazioni di buone intenzioni. Anche se non siete clienti di DTN, potete iniziare a considerare la vostra attuale cerchia di lavoro, colleghi e amici e se questa cerchia manca di diversità, chiedetevi perché. Allargando la cerchia, fate domande alle persone che incontrate, imparate direttamente da chi ha affrontato discriminazioni e sfide nella vita che voi non avete dovuto affrontare. Ascoltare la storia di una persona è incredibilmente potente e il contatto con una persona reale che è stata privata di opportunità a causa del suo background inizierà a spingere più persone ad agire di più in futuro. Condividere queste storie con i colleghi che ritengono che la DEI non sia una priorità li aiuterà a capire che il mondo non è una meritocrazia.

Rendendosi responsabili e agendo, tutti noi facciamo progressi e le persone che non si impegnano si troveranno alla fine in minoranza.

I dati ci dicono che i gruppi dirigenziali mancano di diversità e, sebbene le statistiche stiano migliorando, la strada da percorrere è ancora molto lunga. Le persone tendono a fare rete con persone che hanno il loro stesso aspetto o con persone con cui condividono un’esperienza di vita: il lavoro precedente, l’università o la scuola. Ottenere l’accesso a leader che non si conoscono è estremamente difficile ed è per questo che abbiamo creato DTN. La comunità dei talenti mi diceva che questo è ciò che manca, la possibilità di connettersi con i leader delle organizzazioni che vogliono allargare la loro cerchia e conoscere talenti provenienti da contesti diversi. Un servizio che permettesse ai talenti eterogenei che esistono di identificare e connettersi con i leader che si preoccupano davvero.

Abbiamo riconosciuto che i grandi leader delle organizzazioni amano fare rete e hanno una carriera di successo grazie alla loro capacità di fare rete, ma per i privilegiati è molto più facile. Volevamo livellare il campo di gioco e permettere ai grandi talenti di entrare in contatto indipendentemente dalla loro provenienza, dal loro aspetto e dal loro modo di pensare. I professionisti lungimiranti dell’acquisizione dei talenti capiscono come questo si inserisca nella strategia globale dei talenti di un’organizzazione, sviluppando relazioni più eque e inclusive fin dall’inizio.

Lee, come sai, Beaconforce è uno strumento di ascolto profondo, basato su solide basi scientifiche, che aiuta le aziende a tradurre la voce delle persone in insights e analisi predittive, creando ambienti di lavoro più coinvolgenti, sostenibili e performanti. Le aziende che ci scelgono sono innovative e all’avanguardia, hanno a cuore il benessere delle loro persone. Ciò diventa ancora più pertinente quando si parla di Diversità, Equità e Inclusione sul posto di lavoro e del suo ruolo nel benessere dei dipendenti.

Software come Beaconforce hanno un ruolo enorme da svolgere. Una delle maggiori sfide che sento quotidianamente è che le organizzazioni faticano a raccogliere dati significativi sulla diversità. La maggior parte delle organizzazioni adduce come scusa la natura sensibile dei dati, ma io sostengo che si tratta di fiducia. Se i dipendenti non si fidano dell’organizzazione per cui lavorano, sono meno propensi a condividere altre informazioni. Un software come Beaconforce consente ai datori di lavoro di misurare la fiducia e di lavorare per migliorarla attraverso il coinvolgimento dei dipendenti. Più si ascoltano i feedback dei dipendenti e si intraprendono azioni positive per migliorare la cultura, maggiore sarà il livello di fiducia che si potrà costruire. È qui che entra in gioco Beaconforce, con uno strumento che consente di esprimere quotidianamente le proprie sensazioni.



Grazie mille per questa intervista Lee.

Diverse Talent Networks sta cambiando il modo in cui affrontiamo la diversità, l’uguaglianza e l’inclusione. Orientare l’attenzione verso un approccio più umano e sfumato garantisce un gioco equo a tutti i nuovi assunti e ai talenti già presenti nell’organizzazione.
Articoli e news

Gli ultimi articoli